Hai mai sentito parlare di Natural Pipi Pearls di Tahiti?

Hai mai sentito parlare di Natural Pipi Pearls di Tahiti?

Recentemente, il Laboratoire Français de Gemmologie (LFG) ha ricevuto un pacco di quasi 100 perle presentate come perle naturali da Pinctada maculata. Il proprietario (Bruno Arrighi, Croissy Pacific) ha precisato di aver ritirato personalmente il pacco nella Polinesia francese durante lo scorso anno (figura 1).

Pinctada maculata è un mollusco bivalve (figura 2) rinvenuto nell'Oceano Pacifico, in particolare vicino alla Polinesia francese e alle Isole Cook, che può produrre rare perle “poe pipi” (meglio conosciute come “pipi”). Ci sono stati diversi tentativi infruttuosi negli anni '1950 di produrre campioni di pipi coltivati. Oggi tutte queste perle sono considerate naturali.

Diverse tecniche vengono utilizzate per trovare le perle. In un metodo, i subacquei scelgono le conchiglie più grandi di Pinctada maculata, poi lasciate in putrefazione le conchiglie sulla spiaggia in secchi pieni di acqua salata. Tre giorni dopo, vengono selezionati i gusci e vengono conservate solo le valvole con i blister. Nel profondo del secchio, a volte si possono trovare alcune perle naturali. Kakaro (nella lingua Paumotuan) è considerata la tecnica più antica per ottenere perle pipi. Durante l'immersione, le conchiglie più grandi vengono aperte direttamente sott'acqua per individuare le perle.

La maggior parte delle perle pipi vanno dall'arancio al crema, al grigio e al bianco, ma il colore tipico e più ricercato è un colore dorato intenso. La dimensione delle perle varia generalmente da 1 a 4 mm. La perla in primo piano nella figura 1 ha uno dei migliori colori dorati possibili. È un esemplare eccezionalmente grande che misura 9.6 mm di diametro, che i contributori ritengono essere la dimensione più grande documentata per una perla pipi.

La microradiografia rivela le strutture interne tipiche delle perle naturali: accatastamento a cipolla di strati di aragonite che possono contenere un nucleo calcitico. Sebbene la diffusione Raman, la riflettanza UV-visibile o la spettrometria di luminescenza UV abbiano aiutato a identificare le specie di molluschi in alcuni casi, i risultati preliminari con Pinctada maculata non sono ancora conclusivi. Non è quindi possibile identificare con certezza il mollusco esatto da cui provenivano queste perle.

Fonte: GIA.edu

Nella stessa categoria


Correlato da tag


    Lascia un commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

    Si prega di notare che i commenti devono essere rilasciati prima della pubblicazione

    ×