L'ambiente incontaminato in cui viene allevata la Pinctada Maxima Oyster.

L'ambiente incontaminato in cui viene allevata la Pinctada Maxima Oyster.

Le perle australiane dei Mari del Sud sono coltivate attraverso una rispettosa collaborazione con la natura. L'industria opera secondo il Pearling Code of Practice, che garantisce il minimo disturbo per l'ambiente naturale.

Come risultato del buon sistema di quote australiano e della fortuna di un ambiente isolato e incontaminato, l'Australia ha ora gli ultimi letti significativi di selvaggina mare del sud ostriche perlate.

A causa di queste forti misure di conservazione, i letti di perle australiane sono più sani di quanto non siano stati per più di un secolo. Non è solo un caso che ancora oggi si scoprono perle naturali di altissima qualità. È anche dovuto ad un'attenta gestione del selvaggio Ostrica stock e rispetto per il loro ambiente naturale. Questa responsabilità ambientale è sempre stata parte integrante delle pratiche australiane di perle.

Dopo una valutazione di due anni da parte del Marine Stewardship Council (MSC), l'industria australiana delle perle è stata certificata in modo indipendente secondo lo standard MSC per la gestione ambientale e della sostenibilità.

MSC è la principale organizzazione senza scopo di lucro al mondo dedicata all'uso sostenibile ed ecologicamente responsabile delle risorse marine selvatiche. La certificazione è una prima mondiale per l'industria delle perle.

Estendendosi dalla penisola di Cobourg a nord-est di Darwin fino a Dampier nell'Australia occidentale, le remote farm di perle australiane sono state scelte con cura per i loro ambienti incontaminati, non toccati dall'inquinamento.

Queste posizioni forniscono condizioni ottimali per Pinctada Maxima per produrre le perle più belle del mondo. Molte delle fattorie si trovano all'interno o adiacenti a parchi nazionali, parchi marini e terre aborigene.

L'industria delle perle supera i requisiti dei requisiti di sviluppo ecologicamente sostenibile dell'Australia's Environment Protection and Biodiversity Conservation Act (1999).

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Si prega di notare che i commenti devono essere rilasciati prima della pubblicazione

×